Sanremo? Alessandro Cattelan la ha visto qua e là e non gli è dispiaciuto. 'Crozza è sempre il numero uno. Se non gestissi io le parti comiche nel mio programma il candidato al ruolo sarebbe lui. La vittoria di Francesco Gabbani? Sì un po' me l'aspettavo'.

Su una sua ipotetica partecipazione al Festival, risponde ironico dalle pagine de Il Giornale: 'Sì, se avessi una buona canzone da interpretare, magari a firma di Tiziano Ferro. A parte gli scherzi, non posso scappare da questa domanda ma nemmeno voglio. Dico sempre che non la vivo come un'ossessione. Certo non lo farei alla prossima edizione, dopo i numeri di questa: sarebbe da pazzi furiosi. Ma allo stesso tempo mi piacerebbe parteciparvi prima che morisse mia nonna'.

Il conduttore è pronto a tornare alla guida del suo late show su Sky Uno, con una grande novità: sarà in onda in seconda serata dal lunedì al venerdì fino a maggio, per un totale di 40 puntate: 'Spero che la qualità resti alta, abbiamo lavorato per questo - assicura -. Dal lunedì al giovedì avremo materiale inedito, mentre il venerdì costruiremo una puntata best of, ma non frammentata. Inseriremo la migliore intervista, la migliore gag, la migliore rubrica della settimana e via dicendo. Ad esempio, c'è una rubrica karaoke spassosissima. Un'altra novità sarà quella di poter finalmente stare di più sull'attualità. Registreremo ogni giorno nel tardo pomeriggio, finalmente faremo concorrenza ai social network'.

Gli ospiti della prima puntata? 'Innanzitutto il mio talismano di ogni prima puntata: Cesare Cremonini. Poi c'è Bebe Vio e un Robbie Williams mai visto. Lui è il più grande intrattenitore del pianeta. Sarà protagonista di un'intervista molto fica e, senza che lo avessimo deciso prima, si è messo a cantare. Il magic moment lo si deve alla band in studio, gli Street Clerks'.

 

LATEST NEWS