Richard Gere è protagonista di un nuovo film che racconta le vicende di un faccendiere newyorkese, la cui figura è ispirata alla storia di Jud Suss, un finanziere tedesco che nel 18esimo secolo fu condannato a morte dopo essersi rifiutato di convertirsi al cristianesimo.

La star di 'Pretty Woman' è già in odore di Oscar per la sua interpretazione di Norman Oppenheimer nel film 'Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer', scritto e diretto da Joseph Cedar.

Il regista ha avuto l’idea della storia guardando il film di propaganda nazista 'Jud Suss' firmato da Veit Harlan e tra le pellicole più antisemite mai realizzate. ll film prende liberamente spunto dalla vicenda Joseph Suss, finanziere di origine ebraica che fu consulente molto ascoltato del duca Carlo di Wuttemberg e che, dopo la morte improvvisa di quest'ultimo, fu accusato di reati infamanti per i quali fu processato ed impiccato.

Cercando dettagli sulla vita di quest’uomo, il regista ha scoperto documenti con riportate le conversazioni tra lui e il suo rabbino, durante le quali esprime tutti i suoi dubbi etici su alcune delle cose che dovette compiere per conto del duca.

Nel film Gere veste i panni di un uomo che tenta in tutti i modi di diventare il confidente di uno dei maggiori businessman di New York. Nel cast ci sono anche Steve Buscemi, Dan Stevens, Charlotte Gainsbourg, Michael Sheen e Lior Ashkenazi.

LATEST NEWS