Michael Douglas torna al cinema: dal 14 agosto esce in Italia Ant-Man and the Wasp, già un successo negli Stati Uniti.

Il marito di Catherine Zeta-Jones indossa i panni di Hank Pym, ex agente dello S.H.I.E.L.D. e primo Ant-Man.

'Quando ho letto per la prima volta il copione, mi sono sentito un idiota. Non capivo nulla, non sapevo neanche chi diavolo fosse Captain America. Mi sono dovuto rivedere i film sui supereroi, ma nonostante questo ero molto teso sul set', ha raccontato il figlio di Kirk Douglas a Grazia.

'Sono abituato a tenere tutto sotto controllo. In film del genere non puoi: c’è di mezzo così tanta tecnologia che finisci per girare la scena come ti dicono senza avere idea di che cosa si vedrà sullo schermo. Ho capito che nella vita c’è sempre da imparare', ha puntualizzato l’uomo.

Michael ha ammesso di aver provato pure una sorta di gelosia nei confronti di Paul Rudd, che interpreta il protagonista del film.

'All’inizio ero gelosissimo di lui. Era il solo a cui fosse permesso scherzare, improvvisare, a me invece contavano le battute una per una. A me, capisce? Da non crederci. Per fortuna avevo sul set la mia figlia per finta, l’attrice Evangeline Lilly. Una perfetta supereroina, brava interprete, notevole atleta, che capisce pure di fisica quantistica. Io no', ha confessato Douglas.

Ad ogni modo Michael Douglas è felice di quest’esperienza: 'Per attori della mia età questi film sono una bella opportunità. Quando non si ha più nulla da dimostrare o da dover ottenere, capisci che l’importante è passare bene il tempo con persone gradevoli. Il clan Marvel è senza dubbio piacevole e mi permette anche di avere una certa credibilità nella mia famiglia: non posso certo vedere insieme con i miei figli Basic Instinct'.

LATEST NEWS